domenica 20 dicembre 2009

Mobili alternativi creativi

Spingersi in nuove direzioni, guardare oltre, cercare il bello, sorprendersi e sorprendere. Cosa altro può esserci di meglio? Anche l'arredo dei nostri uffici può dare un brivido di piacere. Nuovi stili per vivere bene dentro, nuove geometrie per portare emozione e benessere nella quotidianità. E' la direzione che mi interessa percorrere. Quella a cui sto guardando con estremo interesse.


Tanta gente ha dentro una creatività e una fantasia costruttiva che va mostrata, che va espressa. Questo post è il mio tributo al loro genio. Ho cercato il risultato dell'inventiva di parecchie persone, individuando quelle trovate che ritengo miscelino al meglio sorpresa, gusto, utilità, praticità, risparmio, e innovazione. Spero appreziate quanto me.

Al momento ho un grande interesse per le scrivanie fatte di materiali inconsueti, specialmente di libri. Non disdegno l'idea di progettarne una valida, stabile. Ho cercato attraverso internet, nella speranza di trovare soluzioni similari affrontate da altre persone. Ovviamente le ho trovate.


Sempre in tema di scrivanie non si può evitare di parlare di questa trovata molto "estrema" firmata dal designer Glynn Jenkins, che ha riprodotto una vecchia autovettura trasformandola in una splendida scrivania.


Due tavoli da gioco.
Il primo contiene 20 giochi differenti in un unico spazio. Il secondo è stato ideato da Tobias Fraenzel, riuscendo ad rendere alternativamente utile una porta d'ufficio.


(vedi)


Una soluzione pure per gli appendiabiti. La prima una versione "fai da te" di cui non conosco l'autore. La seconda è ideata da Mario Mazzer, architetto e designer.


L'arredo alternativo continua con un porta piante davvero interessante, di sapore nipponico (Honbachi) realizzabile facilmente con materiale di riciclo. E' stato ideato dai designers asiatici noti con il nome Tokyo Pistols.


Sempre in tema con il resto dell'arredo questi semplici ma efficaci segnalibri.


E' giunto il tempo di pensare alle librerie. Fondamentali tanto in un ufficio quanto in un appartamento. L'invito che vi porgo è quello di guardare un precedente post dedicato specificatamente alle librerie, che mi sembra davvero utile. Qui propongo prima una soluzione "USA" di Ron Arad. Poi le soluzioni modulari di Maria Yasko. Quindi due soluzioni creative di autori che non mi sono noti.


Per quello che concerne l'illuminazione propongo una soluzione che avevo dettagliatamente già mostrato in passato discutendone le specificità.


E' il momento di pensare ad un luogo adatto su cui sedersi comodamente. Divani e panca, per interni ed esterni.

Le ultime due foto sono relative a
The sofas "East Meets West" di Tonio de Roover

Montanara di Gaetano Pesce
vedi anche qua

Sedute "animalesche" di Rodolfo Rocchetti


Mi occupo ora del letto. Quello che vi mostro è stato ideato da Kayla Kromer.


Per completare l'arredo mancano ancora alcuni particolari che è bene non dimenticare.

Pesci e Uccelli di Robert Gligorov


Degli orologi mi occuperò più specificatamente in un post successivo. Come avrete notato non ho nemmeno parlato di sedie: c'è un motivo.


4 commenti:

  1. Articolo davvero interessante fabio,un design sicuramente fuori dal comune per questi mobili che aprono una nuova frontiera nel loro settore.P.

    RispondiElimina
  2. Interessantissimo articolo! è confortante sapere che in un settore così "vecchio" come quello dell'arredamento c'è ancora spazio per la creatività ;)

    RispondiElimina
  3. Non si finisce mai di sorprendersi. Qualche volta positivamente :)

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Ti potrebbero interessare:

Related Posts with Thumbnails