domenica 14 febbraio 2010

Bento/Obento


Il "bento" è un pasto da asporto, a singola porzione, tradizionalmente composto da riso bianco, pesce o carne e verdure in salamoia o cotte. I contenitori possono essere di materiali e forme varie, dal legno laccato tradizionale al polistirolo usa e getta. Le composizioni sono spesso accattivanti e belle. Un pranzo è una cosa che vi può ridare il sorriso, è la vostra pausa, non sprecatela mangiando un cibo qualunque in pochi secondi, coccolatevi e con un bento scoprirete anche che può essere divertente e piacevole per l'occhio. In Giappone i "bento" ormai si possono trovare un po' ovunque, dai ristoranti ai supermercati, dalle stazioni ferroviarie ai convenience store, ma è ancora molto diffuso il "bento" fatto in casa.


Il contenuto può anche essere disposto in modo da creare delle forme, dando vita ai "kyaraben" (da "character" e "bento"). Le origini vengono fatte risalire al periodo Heian (794-1182), con i primi "onigiri" e con l'"hosii", riso cotto e poi essiccato per essere trasportato e mangiato in un secondo momento.

Per estensione con il termine bento si tende ad intendere qualsiasi rappresentazione artistico/estetica di presentare il cibo, in un certo modo.


Consiglio di visionare questa galleria di fotografie sull'argomento.

3 commenti:

  1. Quante idee interessanti, stimolano la creatività e l'appetito insieme :)

    RispondiElimina
  2. ...magnifico!sushi,sashimi,nagiri,maki assemblati minuziosamente a comporre delle opere del gusto; vero made in japan.
    Thanks.

    RispondiElimina
  3. Letto l'articolo ho pensato GUSTO, per la gola e per l'occhio :)))))))))))))

    RispondiElimina

Ti potrebbero interessare:

Related Posts with Thumbnails