Passa ai contenuti principali

Art nouveau, Liberty e manifesto pubblicitario

L'Art Nouveau fu un movimento artistico-filosofico che si espresse prevalentemente tra la fine dl'Ottocento ed il primo Novecento. Il nome fu coniato in Belgio. L'espressione «Art nouveau» fu utilizzata per la prima volta da Edmond Picard nel 1894 nella rivista belga L'Art moderne per qualificare la produzione artistica di Henry van de Velde. Il nome era già stato coniato dallo stesso van de Velde. In Italia divenne noto anche come stile floreale o stile Liberty. Il nome Stile Liberty che si diffuse in Italia deriva dai magazzini londinesi di Arthur Liberty, che esponevano regolarmente oggetti d'arte e tessuti disegnati in stile Art Nouveau alla fine del XIX secolo.


Nato in polemica reazione all'accademismo e all'eclettismo ottocenteschi, il movimento dell'art nouveau respinge ogni ricorso agli stili del passato per ispirarsi direttamente alla natura: da ciò derivano l'accentuato linearismo, il carattere metamorfico, l'eleganza decorativa che lo caratterizza. In architettura, il vetro, il legno, il mosaico e il ferro battuto si fondono per creare delle sinuosità morbide e seducenti, stilizzando elementi delle correnti artistiche precedenti e ampliando il repertorio dei soggetti riprodotti.

Questo stile è una vera e propria rivoluzione estetica, rinnova le forme dell'architettura, della comunicazione grafica e pubblicitaria, della produzione di mobili ed oggetti per la vita quotidiana, della pittura. Gaudì, Klimt, Horta, Basile, Chini, Terzi, Hankar, Mucha sono alcuni degli artisti più rappresentativi di questa modalità di manifestazione dell'animo umano.

Una caratteristica visiva che non mi pare possa essere sottovalutata è la presenza invasiva dell'uso del color oro, adorato dagli artisti della Art nouveau.




Il manifesto, inteso proprio come carta affissa in un luogo pubblico, aveva originariamente lo scopo di divulgare le notizie nel più breve tempo possibile. Aveva trovato ampio uso nel corso della rivoluzione francese, e lo si poteva considerare una evoluzione della "scritta sui muri" sempre presente nella storia dell'umanità
Nel corso dell’Ottocento - con la produzione e crescita degli oggetti di consumo, conseguente alla diffusione della produzione industriale - il manifesto fu usato per finalità informative-commerciali. Alla fine del secolo XIX, il manifesto passa da ampie descrizioni testuali alle immagini, le quali assumono sempre più un ruolo determinante.
L'attuale uso del manifesto pubblicitario si fonda prevalentemente e quasi esclusivamente sulle immagini, riservando al testo un ruolo secondario utile a definire e comunicare in poche frasi, una singola frase, poche parole, una singola parola.
La fase innovativa del manifesto, avviene proprio nel periodo dell’Art Nouveau, dove l’arte grafica illustra con gusto il prodotto commerciale, creando un legame tra bellezza e vendita, tra arte e pubblicità, con i vantaggi e gli svantaggi del caso.



Il manifesto viene portato dal movimento Liberty al rango di arte.
In Italia fra i maggiori esponenti della cartellonistica ci sono Marcello Dudovich, Aldo Mazza, Leonardo Bistolfi, Leopoldo Metlicovitz, Gino Boccasile, Natoli, Zanoni, Mazzolari, Morino, Achille Mauzan, Orlando Orlandi, Giovanni Maria Mataloni, Luigi Caldanzano, Leonetto Cappiello, Adolfo Hohenstein, Aleardo Terzi, Franz Laskoff, Nomellini.
Confido di tornare presto a parlare dei manifesti nella pubblicità tracciandone una possibile linea evolutiva-comunicativa.

Commenti

  1. I am in fact gla to glance at this webpage posts which
    carries tons of helpful facts, thanks forr providing these kins of statistics.

    RispondiElimina
  2. You made some really good points there. I
    checked on the web for more information about the issue and found most individuals will go
    along with your views on this web site.

    RispondiElimina
  3. This site was... how do you say it? Relevant!! Finally I've found something
    that helped me. Appreciate it!

    RispondiElimina
  4. I have read some good stuff here. Certainly value bookmarking for
    revisiting. I surprise how a lot effort you set to make
    one of these great informative web site.

    RispondiElimina
  5. Usually I do not read article on blogs, however I would like to say that this write-up very forced
    me to take a look at and do it! Your writing style has
    been amazed me. Thank you, very great article.

    RispondiElimina
  6. of course like your web site but you need to take a look at the spelling on quite a few of your posts.
    A number of them are rife with spelling problems and I in finding it very bothersome to inform the truth on the other hand I'll
    certainly come again again.

    RispondiElimina
  7. Awesome things here. I am very happy to peer your post.
    Thanks a lot and I am looking ahead to contact you. Will you please drop me a e-mail?

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Glossario Pubblicità (dizionario pubblicitario)

ABOVE THE LINE Ogni tipo di pubblicità che impiega i grandi mezzi classici: stampa, televisione, radio, cinema, affissione. ACCETTAZIONE Misura l'accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del pubblico. ACCOUNT CONFLICT Conflitto di interessi che si crea quando un'agenzia gestisce i budget di due aziende concorrenti. ACCOUNT DIRECTOR La figura che in un'agenzia ha la responsabilità del servizio clienti. ACCOUNT EXECUTIVE funzionario di un'agenzia di pubblicità che ha il compito di curare i rapporti con il cliente, di interpretarne le esigenze e di trasmetterle correttamente all'interno dell'agenzia affinché‚ il reparto creativo produca messaggi conformi agli obiettivi di comunicazione voluti. E' l'esperto di marketing dell'agenzia, ma anche un conoscitore di psicologia; in genere è un buon parlatore, è dotato di gusto estetico, diplomatico e politico. Ha il compito di raccogliere tutte le possibili informazioni

CHE FIGURA DI MERDA

CHE FIGURA DI MERDA, non c'è titolo migliore per lo scempio compiuto da incapaci nell'esercizio della loro immensa scarsità e pochezza. Vi racconto questa triste e vergognosa storia. La Lega Calcio di Serie A , che rappresenta l' elite dello sport di massa in Italia, ha avuto l'iniziativa per una campagna contro il razzismo. Perché ha avuto questa idea? Ha avuto questa idea poiché parecchi dirigenti hanno espresso e esternato - nel corso degli ultimi anni - pensieri vergognosi, dichiarazioni infami, miserabili manifestazioni di poco pensiero ed incredibile vuotezza. A questa nullità istituzionale si accompagna un " processo di pensiero sociale " fomentato costantemente da comunicazione becera, fantocci politici pieni di gas intestinale, e altri pupazzi immondi. Questo ha portato a manifestazioni diffuse di razzismo, intolleranza, immensa ignoranza, malattie mentali frutto di categorie della mente deformi, deformate, e deformanti. L'ignoranza ce