sabato 20 marzo 2010

Chi la fa l'aspetti.

What goes around comes around !
Chi la fa l'aspetti !

Era tanto tempo che non vedevo una campagna così bella, essenziale, semplice ed estremamente comunicativa. Mi piace moltissimo.
Il brillante lavoro che propongo è stato ideato dall'agenzia di comunicazione Big Ant International (New York), che meritatamente ha vinto parecchi premi internazionali per questa loro forte iniziativa (tra questi La Penna d’oro al One Show Design Awards nella sezione Public Service - Posters Campaign).
Il progetto si chiama Global Coalition for Peace, ed è costituito da quattro manifesti studiati per dare un messaggio: “ogni guerra è sbagliata, ed è insensata”. I manifesti sono stati progettati per essere avvolti intorno ai pali, con l'idea di porre fine alla guerra in Iraq.
Lo slogan “What goes around comes around” prosegue con “stop the Iraq war” per chiarire in maniera determinante l'obiettivo specifico della comunicazione.

Granate, fucili, missili e cannoni anticarro si alternano in versione circolare:





Vorrei permettermi un commento sulla guerra in generale: fare la guerra è stupido, proprio da idioti. Così come per ogni altra forma di violenza, sempre assolutamente stupido.

2 commenti:

  1. Mi viene segnalato privatamente che probabilmente una pubblicità con una concezione simile era già stata realizzata da MTV tempo fa. Non ho modo di verificare questa notizia e spero che qualcuno possa darmi informazioni (e immagini).
    In ogni caso, se così fosse, What goes around comes around non perde nulla nella sua efficacia, ma tutto nella sua innovazione.

    RispondiElimina
  2. Splendida idea questi manifesti!
    Nella loro semplicità rendono straordinariamente bene il concetto...

    RispondiElimina

Ti potrebbero interessare:

Related Posts with Thumbnails