mercoledì 13 febbraio 2008

Volare alto, senza cadere in basso.

E' con piacere che segnalo le campagne pubblicitarie della Ryanair, compagnia irlandese di voli lowcost. L'idea portata avanti per promuovere l'azienda è interessante e nuova nel suo insieme: vengono usate SENZA AUTORIZZAZIONE immagini ritraenti personaggi famosi o comunque foto usate senza licenza; alle fotografie viene associato un testo IRONICO e/o divertente; si persegue sia l'effetto shock dovuto da questa combinazione, sia il clamore sollevato tanto all'uso decontestualizzato e non autorizzato delle immagini quanto alle successive cause legali e conseguenti richieste di risarcimento intentate dai soggetti ritratti e usati come testimonial inconsapevoli. Affrontare delle cause e - naturalmente - perderle pagando un indennizzo è sembrato alla Ryanair un "prezzo ragionevole" per dare forza alla loro pubblicità. Il rischio nel perseguire una simile strategia (che ammetto ... mi piace!!!) è quello di prendere una bella scivolata, calcare troppo la mano diventando esagerati se non volgari o eccessivamente invadenti ed aggressivi, o peggio ancora diventare ripetitivi nel modus operandi vanificando quindi l'effetto shock perseguito. Ad oggi, mi sembra, che Ryanair sia rimasta ancora entro certi "confini". L'importante è non insistere troppo sullo stesso tasto.

Apriamo la rassegna con il caso che ha suscitato maggior clamore.

La pubblicità è apparsa sul popolare quotidiano francese Le Parisien. La foto ritrae il Presidente della Francia Sarkozy e la bellissima ex modella Carla Bruni. All'epoca della foto i due non erano ancora sposati. Nell'immagine la donna sorridente dice "con Ryanair tutta la mia famiglia potrà venire al matrimonio". Allora le nozze erano considerate molto probabili ma la data non era stata annunciata. In data 05/02/2008 il tribunale di Parigi (con una sentenza lampo) ha accolto la richiesta di Sarkozy per un risarcimento simbolico di un euro, mentre alla Bruni ha concesso 60mila euro di danni. La neo prima signora di Francia ne aveva chiesti 500mila.
La corte ha, inoltre, proibito a Ryanair di pubblicare nuovamente l’annuncio pubblicitario, stabilendo che ha causato danni morali e materiali alla coppia.

Non contenti del risultato ottenuto, alla Ryanair hanno pensato di darsi ulteriormente da fare. Sfruttano la nefanda emergenza rifiuti che colpisce la Campania.
E' così che nasce "Paga le tasse! Non per i rifiuti ma per scappare via, 250.000 posti, paghi solo le tasse!".


Continuando la campagna all'azzardo, molto interessante è anche la pubblicità con il campione mondiale di motoGP, l'italiano Valentino Rossi. Ricordiamo che Rossi è stato condannato a pagare un multa pesantissima per evasione fiscale.

È stata una strana idea la loro, non mi hanno detto nulla… Però vorrà dire che mi daranno il loro contributo a pagarle queste tasse! E per questo sono abbastanza contento“ sembra sia stato il commento del pilota a due ruote, che fa presagire battaglie legali con richiesta di ingente risarcimento.

Ancora più piccata l'ultima trovata. A pochi giorni dal "fattaccio" avvenuto nel Parlamento Italiano, viene pubblicata la foto del senatore Udeur Barbato che si scaglia contro il collega, 'colpevole' di aver votato la fiducia al Governo. La scritta che accompagna lo show al Senato è "Calma! Calma! C'è posto per tutti".


Il protagonista ritratto ha dichiarato "Chiederò consiglio ai miei avvocati. Vedrò se questa pubblicità mi danneggia. In tal caso agirò in tutte le sedi secondo quanto prevede la legge".
Altra pubblicità a buon mercato per Ryanair.

Nessun commento:

Posta un commento

Ti potrebbero interessare:

Related Posts with Thumbnails